Home Notizie Bioshopper: per una società low carbon e una rivoluzione verde. Minimo Impatto intervista Francesco Ferrante

Bioshopper: per una società low carbon e una rivoluzione verde. Minimo Impatto intervista Francesco Ferrante

written by Redazione 9 maggio 2013
Bioshopper: per una società low carbon e una rivoluzione verde. Minimo Impatto intervista Francesco Ferrante

Bioshopper! Torniamo a parlarne riprendendo un interessante post edito da Minimo Impatto sul proprio blog, connesso alla campagna di informazione e di diffusione degli shopper compostabili, a norma di legge e amici dell’ambiente SacchEtico.

Come dicono gli amici di Minimo Impatto, per capirne di più in particolar modo in relazione ai vari interventi di legge, si sono “rivolti a un vero esperto, Francesco Ferrante, Senatore dal 2006 al 2013, vero ambientalista, impegnato in prima linea nel promuovere la Green Economy, che ha seguito, da parlamentare e da ambientalista, in prima persona tutto l’iter della normativa sugli shopper“.

Ecco l’intervista e i video pubblicati.

shopper novamont

Bioshopper. A oltre un anno dall’entrata in vigore della normativa, si può trarre un bilancio dei primi risultati?

Io penso che i risultati sono molto positivi e, nonostante tutte le difficoltà connesse all’entrata in vigore della norma – prima le proroghe, poi l’assenza di sanzioni nei confronti dei “furbi” – si è innescata una vera e propria “rivoluzione” da cui, fortunatamente, sarà difficile tornare indietro. Ad esempio sono sempre più numerosi i cittadini che usano la sporta  rifiutando l’”usa e getta”. Conquistando l’interesse da parte di tutta Europa, abbiamo indicato la strada per ridurre l’impatto ambientale di un oggetto (lo shopper di plastica) straordinariamente diffuso e praticamente immortale (pensate all’ormai famosa “isola di plastica” nell’Oceano Pacifico). È stato poi possibile dare una concreta spinta alla green economy e all’innovazione premiando i prodotti realizzati senza l’utilizzo di materie prime derivate dai fossili.

Quest’ultimo aspetto è particolarmente importante anche se forse ancora sottovalutato: quando si parla di società “low carbon” – l’orizzonte cui inevitabilmente tendono già i sistemi più avanzati – il nostro pensiero corre immediatamente alle forme di produzione dell’energia: senza efficienza energetica e senza il ricorso alle rinnovabili non ci potremo mai liberare dalla schiavitù inquinante dei fossili. Pensiamo ai trasporti che ad oggi si basano quasi totalmente sul consumo di petrolio. Se non cambiamo anche la chimica, il modo di produrre e i prodotti stessi della nostra vita quotidiana quell’orizzonte auspicabile e necessario di una società a basso tenore di carbonio inevitabilmente si allontana.

Perché è stato necessario un altro decreto? Cosa prevede il testo firmato da Clini e Passera? E’ l’ultima norma o dovremo aspettarci ulteriori interventi del legislatore?

L’ultimo decreto si è reso necessario per sanzionare quei produttori che spacciano per biodegradabile e compostabile (e quindi commerciabile) ciò che invece non lo era. Già il decreto del marzo scorso si era reso necessario perché si era dimostrata insufficiente la norma del 2007 in quanto, ricorrendo agli additivi, si continuavano a immettere sul mercato prodotti provenienti dai fossili  che arrecavano comunque danno all’ambiente. Ora con quest’ultimo decreto ministeriale si specificano una volta per tutte le caratteristiche tecniche degli shopper e tutti coloro che non le rispettano saranno sanzionati. A questo punto non credo ci sia bisogno di ulteriori interventi in materia.

Attualmente quali sanzioni prevede la norma? Quali sanzioni si applicheranno ai trasgressori?

La commercializzazione dei sacchi non conformi a quanto prescritto dal decreto è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 2.500 euro a 25.000 euro, aumentata fino a 100.000 euro se la violazione del divieto riguarda quantità ingenti di shopper oppure un valore della merce superiore al 20 per cento del fatturato del trasgressore. Le sanzioni saranno applicabili a partire da 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto ministeriale. Siccome si tratta di una norma che ha rilevanza europea, la Commissione ha tempo sino al 13 giugno per formulare eventuali osservazioni. Il decreto, che è già stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, entrerà automaticamente in vigore e le sanzioni saranno applicabili a partire da metà agosto.

Quali possono essere i prossimi passi per migliorare l’efficacia della norma?

Personalmente non modificherei più le norme che regolamentano gli shopper. A questo punto semmai sarebbe opportuna l’emanazione di norme che stimolino in generale il green public procurement e che quindi incentivino i “prodotti sostenibili” provenienti dal recupero di materia o dall’innovazione di prodotto che escluda appunto le fonti fossili.

Ringraziamo Francesco Ferrante e completiamo l’approfondimento con questa interessante video intervista a Giuseppe Lanzi. Unica variazione… il termine delle sanzioni rinviato quindi a metà agosto 2013.

Condividi:
0 comment

Altri articoli che possono piacerti