Home Green Tech Formabilio, la startup italiana di design ecosostenibile

Formabilio, la startup italiana di design ecosostenibile

written by Luca Priami 9 gennaio 2015
Formabilio, la startup italiana di design ecosostenibile

Cos’è Formabilio? Si tratta di una startup tutta italiana la quale potrebbe essere presentata con poche frasi, ma che invece noi di E-cology tratteremo più accuratamente perché riteniamo che il progetto sia valido e interessante.

Innanzitutto partiamo dal settore di cui si occupa Formabilio, ovvero quello dell’arredo di design. Ma lo fa in maniera molto particolare, perché se è vero che proporre complementi d’arredo ecosostenibili, come fa Formabilio, non è una novità, lo è il fatto che i suoi prodotti sono figli di migliaia di designer che partecipano ai concorsi che vengono lanciati online su formabilio.com.

E questo è ciò che differenzia questa startup dalle altre del settore.

L’idea di questo progetto è venuta nel 2012 a due giovani professionisti della comunicazione, Andrea Carbone e Maria Grazia Andali, che hanno dato vita al tutto dopo essersi licenziati dai loro rispettivi lavoro e aver chiuso con la vita frenetica di Milano. Grazie alla loro formazione e al loro background lavorativo, nonostante questa fosse la loro prima esperienza di startup, decidono di trasferirsi nel trevigiano con un’idea in testa e insieme a un programmatore e un web designer hanno realizzato Formabilio.

Come accennato prima, i prodotti venduti sono quelli che hanno vinto un concorso, ma come funziona più nel dettaglio tutto ciò?

Formabilio chiede ai designer (già più di 3500) di pensare green proponendo progetti che rispettino l’ambiente. Tutti i  prodotti Formabilio sono realizzati con materiali ecologici: legnami di prossimità, vernici all’acqua o finiture a olio, rivestimenti con tessuti riciclati o rigenerati.

Dopodiché la community di oltre 115 mila appassionati di design iscritta al sito procederà a una prima valutazione e tra i 10 che si qualificheranno verranno poi scelti da una giuria interna quelli che, a insindacabile giudizio, saranno i progetti più meritevoli. Fino ad oggi sono stati lanciati 81 prodotti sull’e-shop e sono stati inviati oltre 8500 progetti nel corso di 42 contest.

Possiamo quindi parlare di una win-win situation con questo approccio basato sul crowdsourcing, in quanto il designer riceverà una commissione del 7% sulle vendite della sua opera, le aziende produttrici sono tutte piccole realtà artigianali del made in Italy e il cliente finale può garantirsi un prodotto di assoluto pregio, ecosostenibile e con la certezza che sia stato prodotto in Italia. Inoltre l’assenza di magazzino e di intermediari fa sì che questo modello di produzione made to order garantisca un ottimo rapporto qualità prezzo, senza dimenticare che, nel caso un appassionato abbia votato per il progetto che poi è risultato vincente, avrà uno sconto sullo stesso per sempre al momento dell’acquisto!

Al momento è in atto un nuovo concorso, il 43° lanciato da Formabilio, dal titolo Amalgamate, dove i vari designer da tutte le parti del mondo dovranno cimentarsi con la ceramica, figlia dell’unione e della commistione degli elementi che compongono il nostro stesso pianeta: terra, aria, acqua e fuoco. Il concorso avrà termine il 16 febbraio, qui il regolamento.

I piani futuri di Formabilio prevedono l’espandersi su ulteriori mercati europei, dopo che già parecchie delle vendite effettuate dal sito provengono da paesi come Germania, Olanda e Austria. L’apertura verso altri paesi sarà fondamentale per espandere anche la gamma di prodotti di cui potranno usufruire i clienti, in quanto sempre più designer avranno la possibilità di partecipare ai contest. Un altro step sarà quello di raggiungere il mercato USA, al momento non raggiunto ma da cui provengono molte richieste di vendita, mentre già due showroom sono stati aperti in Italia, uno a Roma e uno a Milano.

Nonostante, quindi, le difficoltà intrinseche che il portare avanti una startup così innovativa incontra nel nostro paese, grazie alla pachidermica burocrazia e ai regimi fiscali non certo vantaggiosi, per chi opera nel settore del design l’essere in Italia è solo un vantaggio: siamo la patria del design, della creatività e della qualità produttiva.

Design, ecosostenibilità e made in Italy: ecco Formabilio.

Condividi:
1 comment
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
trackback

[…] are seeing this because your blog was recently used as part of a DDOS attack against […]

wpDiscuz