Home Notizie FuoriSalone… verde?

FuoriSalone… verde?

written by Stefano Suzzi 17 aprile 2013
FuoriSalone… verde?

Milano, 9-14 Aprile

FuoriSalone, ovvero il più grande evento mondiale, insieme al concomitante Salone del Mobile, dedicato al design industriale. Per l’edizione 2013 si era parlato di una grande attenzione al green, all’ecologia, ma noi di SustainaBlink non l’abbiamo vista. Non così tanta, almeno.

L’esempio più fulgido, quello di cui si è parlato di più, è stato il lancio della Smart Street in via della Spiga. Tramite una piattaforma intelligente, l’intera via, oltre a fornire la connessione WiFi gratuita, è ora controllata 24/7  per aumentare la sicurezza e, per quanto riguarda la sostenibilità, illuminata a led e costantemente monitorata a livello di consumi elettrici per eliminare totalmente gli sprechi.

Una bella idea, ben realizzata, dal grande futuro… ma sinceramente penso che sia stata mal comunicata nella via stessa, dove era difficile capire esattamente di cosa si trattasse. Ad esempio, la connessione WiFi (che sicuramente era la cosa più appetibile per i numerosi stranieri in visita) non era segnalata se non su un piccolissimo totem all’inizio della via.

Insomma, la Smart Street era poco visibile, poco capibile e quindi crediamo non notata da chi non avesse avuto la fortuna di leggere i numerosi articoli e post dedicati (questo tipo di comunicazione è stato sì ben curato con un’ottima azione di seeding). Non un’occasione persa quindi, ma poteva essere sicuramente gestita meglio la comunicazione sul posto.

È comunque un inizio e a quanto pare potrebbe essere un’iniziativa replicata in altre zone di Milano. Che dire… speriamo!

Per il resto, il FuoriSalone ha offerto un po’ poco. Qualche designer un po’ più attento di qua, qualche collezione di borse basate sul riutilizzo di là (di cui parlerà Reyes Jiménez Moreno, la nostra esperta di EcoFashion) ma niente di davvero impattante o innovativo.

E allora cosa ci rimane di questa settimana? In realtà una cosa davvero green c’è stata.

Cosa? O forse dovremmo dire chi….?

La medaglia green del FuoriSalone va infatti al popolo del Fuorisalone. Un popolo eterogeneo, a volte particolare tra occhialoni da nerd e vestiario discutibile (vi consiglio di farvi due risate al riguardo con questa guida semiseria per confondersi tra i fuorisalonisti ed essere anche voi “cool” e cosmopoliti )

Un popolo che però ha una forte attenzione all’ecologia, basti vedere le regole 2 e 3 della suddetta guida:

2. Riprendete la bicicletta in cantina

3. Cavalcatela come se fosse da sempre il vostro unico mezzo di locomozione. L’ecosostenibilità è il primo comandamento del fuorisalonista

In effetti, complice il bel tempo, è stato bellissimo vedere tante biciclette in giro per Milano. Ma non è stata questa l’unica nota positiva. L’attenzione che è stata posta nel rispettare i vari bidoni dei rifiuti, che erano in alcune zone addirittura suddivisi per la differenziata, mi ha stupito molto. Soprattutto vista la quantità di persone, la ressa, le feste tipiche del FuoriSalone. Vedere i bicchieri di plastica delle svariate birre consumate, diligentemente impilati nei cestini “solo plastica” non è cosa da tutti i giorni.

Insomma… un fuorisalone verde? Non proprio. Ma sono più importanti le persone, piuttosto che una manifestazione in sé…

@SteSuzzi

@SusBlink

[ad name=”Google Adsense per articoli”]

Condividi:
0 comment