Home Green Tech Un’oasi high tech nel cuore del Qatar

Un’oasi high tech nel cuore del Qatar

written by Luca Priami 22 gennaio 2014
Un’oasi high tech nel cuore del Qatar

Non è sicuramente il verde il colore che potremmo associare al Qatar se dovessimo pensarne uno, ma colori ben più caldi, che richiamano il deserto e le alte temperature, oppure il nero del petrolio o il blu del mare. Il verde potremmo eventualmente associarlo al colore dei dollari, data la ricchezza che possiede il piccolo emirato arabo, ma difficilmente ci verrebbe in mente il verde di alberi e prati, come quelli di un’oasi.

Invece è proprio questo a cui hanno pensato allo studio Sanzpont Arquitectura, la cui filosofia è quella di realizzare “architettura bioclimatica e sostenibile attraverso il design innovativo e all’avanguardia”.

Palace for Nature, letteralmente Palazzo per la Natura, è l’ultimo progetto dello studio, un’oasi di verde nell’arido e ricco Qatar.

Questa struttura, forgiata per ricordare la struttura dell’albero del sidra, una pianta tipica del Qatar, sarà una lussuriosa (e lussuosa) oasi di giardini, corsi d’acqua, alberi e fiori, un enorme spazio verde dove poter passare del tempo per rilassarsi e socializzare, al riparo da un sole sempre presente.

Vi saranno giardini interni ed esterni, ampi padiglioni, laghi e fontane. Il tutto a una temperatura assolutamente confortevole, garantita da un microclima generato dal sistema di irrigazione tipo nebulizzazione.

L’acqua proviene da una falda acquifera sotterranea e da desalinizzazione in loco, tutta l’acqua viene recuperata attraverso un sistema di acque grigie e conservata in laghetti e giochi d’acqua. La ventilazione naturale e l’illuminazione naturale, grazie al tetto più simile a una rete che a un tetto, riducono il consumo di energia, mentre il fotovoltaico integrato fornisce energia elettrica per eseguire i vari sistemi compresi l’illuminazione notturna a LED.

Che dire? Non sono particolarmente entusiasta di progetti come questi, un po’ fini a se stessi, cattedrali nel deserto, è proprio il caso di dire, ma indubbiamente sembra un progetto interessante e ben concepito, che sicuramente non avrà problemi a trovare chi ne finanzierà l’eventuale realizzazione.

Condividi:
0 comment

Altri articoli che possono piacerti