Home Green Tech La crescita esponenziale del fotovoltaico in Germania

La crescita esponenziale del fotovoltaico in Germania

written by Luca Priami 13 dicembre 2013
La crescita esponenziale del fotovoltaico in Germania

L’immagine qui sopra, questa strana silhouette macchiata di giallo, rappresenta la Germania. O, per meglio dire, mostra un particolare aspetto del territorio tedesco, che non è la rappresentazione grafica di dove bevono più birra ma quella della situazione del fotovoltaico in Germania.

In quest’ultima decade infatti la Germania ha compiuto uno sforzo incredibile per quanto riguarda l’utilizzo di energie rinnovabili e soprattutto nel fotovoltaico, dove al momento è il primo paese europeo come capacità, ha fatto un balzo veramente notevole.

Nel filmato a fine articolo viene infatti presentato questo boom tramite un time lapse che mostra come, da gennaio 2009 a gennaio 2013, siano stati installati ben 860 mila impianti fotovoltaici in tutta la Germania, andando così a toccare i 2,7 GW di potenza installata (ora già a 2,9 secondo gli ultimi dati di ottobre).

Prima delle Germania ci sono solo Cina (3,7 GW) e Stati Uniti (3 GW), forti anche di un territorio assai più ampio sul quale procedere con le installazioni. Questo però dovrebbe farci riflettere, dato che al momento queste nazioni sono ancora, tutto sommato, testa a testa, ma con delle evidenti differenze per quanto riguarda la superficie.

La Germania infatti ha puntato moltissimo sulle rinnovabili e questi 2,9 GW di potenza rappresentano una fetta importantissima nel computo energetico tedesco. Basti pensare, ad esempio, che il 18 aprile di quest’anno è stato varcato per la prima volta lo scoglio del 50% di energia elettrica generata nel paese dalle sole rinnovabili, un traguardo decisamente importante.

I cittadini hanno capito l’importanza di questa forma di energia e sempre più spesso si vedono case fornite di pannelli fotovoltaici o piccole centrali volte a sfruttare vento e sole il più possibile. L’energia prodotta viene ovviamente utilizzata per le abitazioni ma quella in surplus viene riversata nella rete elettrica, alleggerendo quindi il carico su altre centrali, oltre a diminuire il costo dell’energia stessa.

Di questo passo la Germania potrebbe divenire la prima nazione al mondo, stando anche ai dati della Heinrich Böll Foundation, a soddisfare il proprio fabbisogno energetico interamente grazie alle rinnovabili nel 2050.

Condividi:
0 comment